Da oltre 50 anni
Affidabile - Veloce - Flessibile
Accedi
Ricerca Avanzata
Novità
Sulla pelle del popolo

Ean13: 9788867182640
Autore: Venturini Oliviero
Editore: RED STAR PRESS
Prezzo: € 19,00

In uso in Europa già nel tardo medioevo ma severamente proibito dagli scritti biblici, il tatuaggio su riscoperto in Occidente nel corso dei grandi viaggi d’esplorazione – uno su tutti: la spedizione a Tahiti del capitano Cook (1769) – grazie alle incisioni che iniziarono a fregiare la pelle dei marinai. Da quel momento in poi, quella del tatuaggio è una storia sommersa, censurata e dimenticata. Specialmente quando il chiaro contenuto politico che un rilevante numero di persone, appartenenti agli strati più bassi della società, iniziò a ostentare sulla propria pelle, spinse medici e scienziati sociali a considerare il tatuaggio come un fenomeno di tipo patologico e criminale. Ma prima del famigerato testo di Lombroso dedicato al tatuaggio, gli ideali giacobini era-no stati già tradotti in una miriade di testi e immagini che, sui corpi dei rivoluzionari, inneggiavano alla repubblica, promettendo la morte a tutti i re. E in seguito, sulla scia degli ideali mazziniani e garibaldini, i giudici dei ribelli non mancarono di pro-vare spavento per gli inni alla giustizia sociale rinvenuti sulla carne dei ribelli. Di questo era fatta la pelle del popolo: minacce all’ordine costituito che continuarono a cantare la rivoluzione nella tradi-zione anarchica e comunista attraverso simboli potenti e altrettanto potenti tatuaggi; una straordinaria testimonianza di resistenza popolare lunga secoli, raccolta e commentata per la prima volta da Oliviero Venturini.
A.L.I. Agenzia libraria international - P.IVA: 09416080159 - Tutti i diritti sono riservati | Privacy Policy